Ambito storico-politico: Disastri e ricostruzioni
Un argomento molto attuale, preciso ma al contempo vago e forse inconsueto per questo ambito. Con un’antologia variegata: si passa dalla contemporaneità di Giorgio Boatti e Alvar Gonzalez-Palacios a Machiavelli. “È una buona traccia, perché permette di inanellare materie diverse: la si può affrontare con un taglio più teorico, puntando sul concetto di distruzione, o con un’ottica più scientifica e tecnica, quasi applicativa. Certo, manca una struttura definita da seguire. E come tutte le tracce molto aperte, può essere pericolosa”. Federico Niglia, professore di Storia contemporanea alla facoltà di Scienze politiche delll’università Luiss Guido Carli di Roma, vede pro e contro per quella che tradizionalmente è uno dei temi preferiti dagli studenti. Nel 2016 trattava il “valore del paesaggio”, e fu il più scelto (22,2% degli studenti totali). Quest’anno, forse, presenta qualche insidia in più: “Apparentemente facile, molto legato all’attualità, con collegamenti pressoché infiniti. Ma io vedo una difficoltà di svolgimento oggettiva: c’è il rischio di perdersi e di scadere nella banalità. Anche perché quanti maturandi sanno che il terremoto che ha cambiato la nostra concezione del disastro naturale è quello di Lisbona del Settecento?”.

INDIETRO

Maturità 2017, i commenti alla prima prova. “Traccia sulla natura per chi ha tanto da dire”. “Tema su nuove tecnologie a rischio banalità”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2017, Giorgio Caproni per l’analisi del testo. Lagioia: “Poco conosciuto, ma è un grande del ‘900”

next
Articolo Successivo

Maturità 2017, tracce e temi della prima prova. Giorgio Caproni per l’analisi (il testo). Tracce su robotica e lavoro, progresso, ricostruzione e miracolo economico

next