In via di approvazione al Senato, il ddl Falanga sull’abusivismo edilizio dovrà tornare alla Camera prima del via libera definitivo. Contro il provvedimento si sono scagliati però Verdi, ambientalisti e Sinistra italiana. I Verdi stessi hanno organizzato un flash mob di protesta a Piazza del Pantheon a Roma, con tanto di una casetta “abusiva”. “Si tratta di una legge che “bloccherà le demolizioni, anche nelle aree vincolate dal punto di vista ambientale e idrogeologico”, ha spiegato il coordinatore Angelo Bonelli, insieme all’ex parlamentare Sauro Turroni, presentando un dossier sui meccanismi che consentiranno, denunciano, di non demolire le strutture abusive. Per poi attaccare: “Questo è un provvedimento di una gravità inaudita che legalizza in modo permanente l’abusivismo. E che verrà approvato da una maggioranza inedita, che mette insieme Pd, Fi, M5S e Verdini“. Secondo quanto denunciano i Verdi, la legge “non ha limiti temporali” e permette di costruire una casa abusiva e di rimandare l’abbattimento all’infinito. Per il verdiniano Falanga, invece, la legge servirà a dare la priorità all’abbattimento degli ecomostri. “Non è vero, la legge non dice nulla di questo”, ha replicato Bonelli. “Noi diciamo ‘Stop, si fermino'”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fluorsid, inquinanti fino a 3mila volte sopra il limite. L’intercettazione: “A noi serve produrre produrre produrre”

prev
Articolo Successivo

Greenpeace accusata di diffamazione in causa da 300 milioni: “Rischio fallimento”

next