È andato a cena all’Osteria dei Amis, postando subito la foto di rito sui social e invitando i suoi contatti a fare lo stesso. Dopo le dichiarazioni di vicinanza, Matteo Salvini è andato a mangiare nel locale dove nella notte tra il 9 e il 10 marzo un ladro è stato ucciso dal proprietario, Mario Cattaneo, ora indagato per omicidio volontario.

L’osteria di Gugnano di Casaletto Lodigiano, in provincia di Lodiha riaperto sabato, riempiendosi subito di affezionati clienti che hanno deciso di sostenere Cattaneo. “Mario è una persona squisita, veniamo qui da anni e ci siamo sempre trovati bene”, ha spiegato un avventore del locale. “Lui è sempre stato un gran lavoratore e se ha sparato per difendere la sua famiglia ha fatto una cosa giusta“.

Domenica, quindi, anche il leader della Lega Nord è andato a cena nel ristorante, documentando tutto su Facebook e Twitter. Sui suoi canali social ha anche postato una foto con lo stesso Cattaneo, “una brava persona aggredita di notte dai ladri nel suo locale”. Salvini ha invitato i suoi follower ad andare a mangiare all’osteria per sostenere Cattaneo e mangiare “ottimi piatti tipici”, ribadendo il suo supporto per l’anziano ristoratore: “Io sto con Mario, io sto con chi si difende, sempre”.

Venerdì, alle quattro del mattino, Cattaneo era stato svegliato dalla sirena dell’antifurto. Imbracciato il fucile, era sceso nel locale per affrontare i ladri. Secondo quanto riferito agli inquirenti dallo stesso ristoratore, il colpo è partito inavvertitamente quando la vittima ha afferrato la canna del fucile durante una colluttazione con Cattaneo. Il ladro è stato colpito alla scapola sinistra ed è morto per la conseguente emorragia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, dal comune ok a un nuovo campo rom. Campidoglio: “Misure temporanee. Obiettivo è superare i villaggi”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, la curia chiede soldi al Comune per l’ospitalità degli sfollati. Il sindaco scrive al Papa e non paga un euro

next