E’ stata presentata oggi in conferenza stampa la campagna #Vocidigiustizia promossa da Riparte il futuro e Transparency International Italia che chiede alla Commissione Affari Costituzionali del Senato di calendarizzare e discutere al più presto il disegno di legge sulla protezione dei whistleblower approvato dalla Camera lo scorso gennaio. Sono oltre 25.000 i cittadini che hanno firmato la petizione per tutelare chi denuncia corruzione ed illegalità sul posto di lavoro e che chiedono – al presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato Anna Finocchiaro – una legge efficace che incentivi a segnalare il malaffare e che difenda chi subisce mobbing e ritorsioni per aver fatto il proprio dovere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aborto: dalla Polonia all’Irlanda, le donne lottano ancora per il controllo sui loro uteri

prev
Articolo Successivo

Milano, in stazione c’è un bimbo mendicante. L’esperimento sociale che spiazza: “Non soldi ma fiducia per papà”

next