Umberto Eco, il Pil misura di tutto, il rapporto padre-figlio, 70 anni dal primo voto delle donne, i confini, l’avventura dell’uomo sullo spazio e il valore del paesaggio. Queste le tracce scelte dal ministero dell’Istruzione per la prima prova di maturità 2016. Stando alle voci raccolte, a caldo, fuori dallo storico liceo Terenzio Mamiani di Roma, a sorpresa, forse, molti studenti hanno scelto la traccia di ambito economico. “Abbiamo un minimo di informazione sull’economia di oggi, la crisi del 2008, il valore del Pil” spiega il rappresentante d’Istituto del Mamiani. Qualcuno invece ha notato delle assenze nella scelta dei temi: “Mi aspettavo una traccia sulla Costituzione, visto che Renzi fa propaganda su tutto pensavo lo facesse anche agli esami” commenta un maturando. Non sono mancate le critiche visto che per qualcuno sono state tracce “che davano pochi spunti di riflessione – dice una ragazza del linguistico -, mi aspettavo qualcosa sulle unioni civili, sui diritti, sul TtiP che è in arrivo”. Anche la stretta attualità romana è entrata all’interno di questa maturità dando qualche spunto, “ho scelto il tema sul voto delle donne visto che stiamo affrontando una svolta con due sindache donne” ha commentato una liceale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maturità 2016, Sabbatucci: “Tema sul voto alle donne? Banale”. Morcellini: “Traccia sul Pil umanizza l’economia”

prev
Articolo Successivo

Maturità 2016, versione di greco: Isocrate, “Sulla Pace”. “Testo complesso. Ecco quali sono le insidie”

next