Saviano è un’icona farlocca, bisognerebbe levargli la scorta“, con queste alate espressioni, un senatore verdiniano del gruppo Ala, ha apostrofato Roberto Saviano, uno che non è mai piaciuto ai Cosentino di turno, agli amici degli amici, e alle più sanguinarie bande della camorra, che lo hanno sempre indicato come un obiettivo da colpire e da eliminare. Sono decine i messaggi, espliciti e diretti, che la Camorra, in vario modo, ha indirizzato contro Saviano che, proprio per questo, è costretto ad una vita blindata.

Quella scorta non l’ha chiesta lui, ma gli è stata imposta perché lo Stato lo ha ritenuto e lo ritiene una persona esposta al massimo rischio. Saviano è costretto ad una vita blindata perché con le sue parole, i suoi libri, le sue trasmissioni, svela i loro progetti, illumina le oscurità, decodifica i linguaggi e i messaggi, svela le complicità, non risparmia governi e partiti, indica le ambiguità di chi predica la lotta contro le mafie e poi si ritrova alleato del “verdiniano” che insulta Saviano e Rosaria Capacchione.

Non a caso nel mirino dei camorristi e di chi non gradisce quei ficcanaso dei cronisti è terminata anche Rosaria Capacchione, oggi senatrice, cronista coraggiosa, che, per anni, ha condotto inchieste rigorose e documentate contro i clan del casertano, contro gli intrecci tra politica, affari e camorra. Rosaria Capacchione è distante anni luce da ogni esibizionismo mediatico, non urla, ma documenta, racconta i fatti e li connette tra loro e i suoi testi sono completati dalla narrazione dei contesti, senza i quali ogni parola rischia di essere ambigua ed incomprensibile.

La polemica politica non può arrivare sino al punto di minacciare chi è costretto a vivere sotto protezione per aver scelto di stare dalla parte della legalità e di mettere a rischio se stesso per garantire alla pubblica opinione il diritto ad essere informata. Capacchione e Saviano sono criticabili come qualsiasi altro cittadino, ma altra cosa è il tentativo di delegittimarli prima e di isolarli poi. Nei giorni scorsi, a proposito delle vicende relative a Pino Maniaci, sono state spesso richiamate, e quasi sempre a sproposito, le parole di Leonardo Sciascia sui cosiddetti “professionisti dell’antimafia”, ora sarà il caso di tornare ad occuparsi dei “professionisti della mafia” che, sicuramente, non hanno bisogno della scorta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parco dei Nebrodi, perquisizioni in centri d’assistenza agricola dopo attentato al presidente Antoci

prev
Articolo Successivo

Capaci bis, chiesti cinque ergastoli. Verso processo ter su ruolo di Messina Denaro. Pm: “Continueremo a cercare la verità”

next