6 Una colonna sonora vintage – Oltre alla scenografia capace di catturare colori, geometrie ed impercettibili dettagli dell’America ai tempi della presidenza Kennedy, tra milkshake, capelli cotonati ed abiti dai tagli eleganti, ed una sceneggiatura che mostra una mentalità ben diversa da quella attuale, la serie tratta dal romanzo di Stephen King, ricostruisce anche musicalmente le atmosfere di un’epoca passata. Durante la visione degli otto episodi, oltre le partiture originali composte da Alex Jeffes, vi capiterà di ascoltare classici come Stay (Just a Little Bit Longer) di Maurice Williams & The Zodiacs, Then He Kissed Me del gruppo femminile The Crystals, il soul di Sam Cooke con Bring It On Home To Me fino alla simbolica Soldier Boy intonata dalle Shirelles.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaele Sollecito ovvero la summa delle incompetenze degli opinionisti tv

next
Articolo Successivo

Striscia la Notizia lancia il “Campionato del Mondo di salto dell’inferriata” dei migranti in fuga dal Cara. E la rete s’indigna

next