9 Qualche differenza – Condensare un volume 0di quasi mille pagine in soli otto episodi non è un’impresa facilissima e naturalmente sono state apportate delle modifiche, più o meno sostanziose, all’opera di Stephen King che, dal canto suo, è stato coinvolto, passo dopo passo, nella realizzazione della mini-serie, dando la sua approvazione alla versione televisiva realizzata dalla showrunner Bridget Carpenter. Tra le differenze più blande che possiamo raccontarvi senza rischiare di rivelare troppo vanno segnalate la scelta di datare il ritorno indietro nel tempo al 1960 e non al ’58 come avviene nel libro e la scelta di chiamare la cittadina di Derry (riferimento a It), protagonista di una deviazione narrativa importante nella prima parte del romanzo, Holden.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raffaele Sollecito ovvero la summa delle incompetenze degli opinionisti tv

next
Articolo Successivo

Striscia la Notizia lancia il “Campionato del Mondo di salto dell’inferriata” dei migranti in fuga dal Cara. E la rete s’indigna

next