5. Niko Romito (Reale – Castel di Sangro, L’Aquila)

La prima volta che Niko Romito salì sul palco di Identità Golose fu dieci anni fa. Nel 2006, lo chef del Ristorante Reale di Castel di Sangro non aveva nemmeno una stella. Ora ne ha tre. La storia del cuoco abruzzese è singolare. Nel ’96 i genitori di Romito decisero di riconvertire la loro piccola pasticceria di Rivisondoli in una trattoria. Lui in quel periodo era a Roma a studiare economia. Tra una lezione all’università e l’altra coltivava però il suo hobby della cucina. Due anni dopo il padre si ammala e lui, insieme alla sorella Cristiana, abbandona la carriera nel mondo della finanza e si mette al lavoro. Inizia a cucinare “da autodidatta”. Nel 2011 si trasferisce a Castel di Sangro, in un monastero cinquecentesco. Qui tra ristorante, stanze e la scuola di cucina per aspiranti chef, Niko Romito sviluppa la sua filosofia: essere “apparentemente semplice” in cucina e quindi nella vita.

Dove: Sala Auditorium

Quando: Lunedì 7 marzo 2016

Orario: 15:00

Romito

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pizza candidata dall’Italia come Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco

next
Articolo Successivo

La ricetta della pizza perfetta secondo Gino Sorbillo

next