Dodici anni di gusto, dodici anni di passione per il cibo e i suoi protagonisti. Il 6 marzo si aprirà Identità Golose Milano. Quest’anno il tema scelto è “La forza della libertà”. Paolo Marchi, il creatore del congresso, spiega: “Portiamo al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica la voglia di conoscenza e curiosità, aprendo una riflessione a 360 gradi sul valore della libera creatività e della libera convivialità”. Marchi spiega inoltre che “regolare i consumi, non vuole dire non sedersi più a tavola, ma anzi intensificare gli scambi culturali e tecnici che avvengono nelle cucine e nelle sale ristorante di tutto il mondo.” Al di là delle novità, come tutti gli anni saranno protagonisti i più grandi chef italiani: da Massimo Bottura a Enrico Crippa, da Carlo Cracco a Davide Scabin, da Massimiliano Alajmo a Davide Oldani, Moreno Cedroni, Mauro Uliassi e Claudio Sadler.

In questo clima di speranza e fermento costruttivo, Marchi segnala i 10 appuntamenti da non perdere nel corso dell’evento: “Sono tutti interessanti per me. Questi però forse sono i più curiosi”.

Identità Golose Milano 2016, la guida ai 10 appuntamenti da non perdere

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pizza candidata dall’Italia come Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco

prev
Articolo Successivo

La ricetta della pizza perfetta secondo Gino Sorbillo

next