1. La scuola di Identità Golose

Quest’anno Identità Golose non è più solo per gli addetti ai lavori, diventa di tutti. E’ stata creata una scuola di cucina, una sorta di “evento parallelo” capace di proporre al grande pubblico gli stessi protagonisti della kermesse meneghina di alta cucina. L’idea nasce dalla collaborazione di Identità Golose e di Convivium Lab – Arte del Convivio, la struttura della Fondazione Vivante-Jovinelli dedicata alla formazione dei nuovi professionisti e dei semplici appassionati dell’alta cucina.

L’ingresso è gratuito ed è necessario iscriversi a questo link. Saranno 6 incontri al giorno e in cattedra saliranno alcuni tra i più grandi chef italiani. Il programma è fitto. Il primo giorno ci saranno la docente del Convivium Lab Lola Torres, gli chef Claudio Sadler, Andrea Ribaldone, Corrado Assenza, Davide Sacbin e Luca De Santi. Il secondo giorno inizierà con il wine tasting dei vini premiati a Merano, seguiranno le lezioni degli chef Christian Milone, Ugo Alciati, Davide Oldani, ancora Lola Torres con il bar-tender Fabiano Omodeo e la chef Cristina Bowerman. La scuola si chiuderà l’8 marzo con un secondo wine tasting, la lezione di Riccardo Gaspari, di Loretta Fanella, Francesca Morandin, Daniela Cicioni e Fabiano Omodeo.

Dove: Mi-Co Milano Congressi

Quando: 6, 7 e 8 marzo 2016

Orari: dalle 11 alle 19

chef IG

Identità Golose Milano 2016, la guida ai 10 appuntamenti da non perdere

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pizza candidata dall’Italia come Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco

prev
Articolo Successivo

La ricetta della pizza perfetta secondo Gino Sorbillo

next