Omar Pedrini racconta a ilfattoquotidiano.it di come quest’anno avrebbe voluto partecipare a Sanremo con un brano intitolato “Freak Antoni“, un omaggio al leader degli Skiantos scomparso nel 2014 e alla città di Bologna. “Il brano non è stato accettato – racconta Pedrini – chiaramente rispetto la decisione della giuria. Mi sarebbe piaciuto farlo salire simbolicamente su quel palco da cui era stato rimbalzato tante volte. Parlando con la sua compagna è emerso proprio come questo suo desiderio negli ultimi anni fosse diventato importante. Tanto che dopo l’ennesimo rifiuto partorì, da genio quale era, la canzone Porto Dio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canarie, “La zattera di Lampedusa”: l’allestimento del museo sottomarino dedicato ai migranti

next
Articolo Successivo

Maurice White, morto a 74 anni re della disco music e fondatore degli Earth, Wind & Fire

next