È stata appoggiata sui fondali delle Canarie, vicino a Lanzarote, assieme ad altre splendide sculture. Ma di tutti i capolavori dell’artista Jason deCaires Taylor è la più potente ed evocativa. L’opera si chiama la “Zattera di Lampedusa” e raffigura un gommone con a bordo alcuni migranti, un modo per ricordare le migliaia di siriani e africani morti al largo delle coste libiche e dell’isola siciliana mentre cercavano di raggiungere l’Europa. Negli scorsi giorni è stato proprio Taylor a immergerla a quindici metri di profondità, nel silenzio delle acque delle Canarie, assieme alle altre sculture, tutte con un significato ben preciso, che d’ora in poi formeranno l’“Underwater Musesum”, un museo sottomarino appunto
video di Jason deCaires Taylor/ Centros de Arte, Cultura y Turismo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pussy Riot, in un nuovo video rap in uniforme e tacchia spillo denunciano la repressione in Russia

next
Articolo Successivo

Sanremo 2016, Omar Pedrini: “Volevo partecipare con il brano ‘Freak Antoni’, ma non mi hanno preso”

next