Protesta del gruppo parlamentare della Lega nord che ha esposto in Aula alla Camera dei cartelli, tutti recanti la scritta “Giù le mani dai bambini”, contro il ddl di riforma della scuola e la “teoria gender”. La contestazione è stata più volte annunciata dal Carroccio, anche sui social: “No all’insegnamento della cultura gender, nessuno tocchi i bambini”. A causa della protesta leghista, il presidente di turno dell’aula di Montecitorio Roberto Giachetti ha sospeso la seduta e ha espulso il capogruppo leghista Massimiliano Fedriga

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Buona Scuola è legge: storia di una (mezza) riforma che ha spaccato il Pd, diviso il Paese e unito chi protesta

next
Articolo Successivo

Scuola, l’Unione degli Studenti: “Caro Renzi, saboteremo la tua riforma. Ormai sei solo”

next