“La testa di quella ragazina rom è già proiettata verso la televisione, verso i talent”. E’ il commento di Gianluigi Paragone, in un dibattito che coinvolge anche Gad Lerner, il quale osserva: “E’ un luogo comune dire che i rom e i sinti vogliono vivere in quelle condizioni. C’è un’alta quota di popolazione convinta che gli zingari rubano i bambini. I rom” – continua – “sono persone, sono stati i primi ad essere spediti nei campi di concentramento e relegarli fa ottenere di loro una visione che sono un problema. E presentarsi davanti a loro con una ruspa vuol dire sperare che se ne possa trarre consenso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Bonafè: “I campi rom non sono la risposta giusta”

next
Articolo Successivo

25 aprile, l’antifascismo è ancora un valore fondante? Vox e sondaggio di Ricca

next