“E’ stato commesso un atto atroce”, il ministro della Giustizia Andrea Orlando si è precipitato a Milano nelle ore successive all’episodio che ha sconvolto la quotidianità del Palazzo di giustizia, aprendo seri interrogativi sui sistemi di sicurezza. “Ho incontrato i familiari di Fernando Ciampi, ai quali ho rivolto la mia più sincera e sentita vicinanza – ha detto il ministro -. Ho ritenuto opportuno essere qui per ringraziare le forze dell’ordine per il loro operato”. Poi sull’episodio ha aggiunto: “I sistemi sicurezza tecnologici erano funzionanti, le indagini devono chiarire le responsabilità degli errori gravi che sono stati commessi. Inoltre è utile una riflessione generale sull’adeguatezza degli uffici giudiziari”  di Francesca Martelli

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudio Giardiello, chi è il killer di Milano: 6 fallimenti alle spalle e cliente ingestibile

next
Articolo Successivo

Claudio Giardiello, testimoni: “Nascosti in aula per ore. Nessuno ci diceva niente”

next