Il ministro della Cultura Dario Franceschini (Pd) ha inaugurato questa mattina alla Triennale di Milano la mostra Arts & Food per Expo. si tratta del primo padiglione di Expo ad aprire i battenti, ma è l’unico fuori dal sito Expo: “Per motivi di sicurezza, non era il caso di portare certe opere in un cantiere”, spiega l’Ad di Expo Giuseppe Sala. Franceschini, guidato da Celant, ha osservato gli allestimenti costati oltre 6 milioni di euro, non senza polemiche comprese quelle per il cachet del curatore o come i rilievi sollevati da Vittorio Sgarbi (“Chi cazzo è Celant?”), anche se per Sala “ne è valsa la pena”. Il ministro invece si è soffermato vicino ad alcune installazioni, come il furgone Volkswagen (“Ah quante vacanze, ma poi l’ho venduto, anzi regalato a una parrocchia”) o la zona cucina, in cui si svolgeva la performance di attori che pulivano la stanza, con tanto di foto delle modelle da sotto  di Francesca Martelli

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, procura apre inchiesta sul tassista picchiatore di piazza Barberini

next
Articolo Successivo

25 aprile, sindaco San Miniato rimuove lapidi della strage del ’44. Ulivieri: ‘Vaffa…’

next