Strano che nessun Tg nazionale abbia dato la notizia che il Presidente Napolitano – per la prima volta nella storia – abbia disertato il consueto caffè del primo dell’anno al Gambrinus (bar di Napoli, n.d.r.). 

Era tutto pronto. C’erano i carabinieri in moto con i lampeggianti, il blindato dell’Esercito, la Polizia di scorta, la Digos e la Municipale, ma poi all’improvviso non è più venuto! Ad attenderlo ieri mattina c’eravamo noi. La sua assenza sarà stata un caso(?!)

Non crediamo proprio. Era evidente che non avrebbero potuto mandarci via. Ma da come si vede dalla foto, il nostro striscione era senza scritte ‘particolari’. Solo immagini dei roghi tossici di rifiuti speciali e l’indirizzo web del blog. Niente di offensivo, per carità. 

Ci risulta che dal Quirinale abbiano chiamato Don Patriciello. Vogliamo precisare che a noi né ci hanno chiamati, né ricevuti. Come mai il Presidente teme dei semplici cittadini che – a differenza di altri – sono da sempre impegnati contro questo problema? 

Presidente, volevamo offrirLe il caffè facendo una sola domanda.

I media ripetono continuamente i cittadini, i cittadini. La domanda è la seguente. Ma Lei, Presidente. Dov’era Lei? Dov’era quando il traffico dei rifiuti tossici interrati e bruciati raggiungeva l’apice di questa vergognosa pagina di storia della nostra terra?

Quando e se vorrà risponderci, il caffè è pagato. Promesso. Intanto la informiamo che – nonostante il decreto – i Roghi Tossici continuano uguali se non peggio di prima!!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eni, Marghera: il cane a sei zampe si rifà la verginità? (Rettifica)

next
Articolo Successivo

Roma, il vecchio Antiquarium è abbandonato. Mentre il nuovo resta chiuso

next