Metodi di trasmissione del virus e uso del profilattico sono temi ancora difficili da affrontare nella nostra società. Lo dimostra anche l’incidente diplomatico tra ministero della Salute e associazioni, in occasione del lancio dello spot per la giornata mondiale contro l’Aids. Prima è andata on-line la versione senza la parola “preservativo“, poi dopo alcune ore la nuova versione: ”Fai il test per l’Hiv e usa il preservativo”. Il ministero parla di “errore tecnico”, ma dalle parole raccolte dal fattoquotidiano.it traspare come sul tema ci sia ancora parecchia disinformazione. I numeri di telefono da cui si offre assistenza gratuita sul tema sono presi d’assalto, come confermano i volontari di Lila, Nps, e Asa, tra le associazioni più attive in questo ambito. L’ignoranza sull’Aids è ancora elevata: se le cure mediche hanno fatto progressi per i pazienti sieropositivi (la cui aspettativa di vita è di gran lunga superiore rispetto a 15-20 anni fa), le infezioni restano un dato significativo. Ogni anno in Italia ci sono quasi 4000 nuovi casi di Hiv: 600 solo in Lombardia. Se si considerano i casi di Aids dall’inizio dell’epidemonia al 201o, la provincia italiana più colpita è Milano, con 8378 casi (dati Asl-regione Lombardia). Nps Italia Onlus e All Italia, tramite i dati dell’Ospedale Sacco, ha poi evidenziato il forte divario tra il costo di un condom e la spesa a carico del Sistema Sanitario Nazionale di un malato di Hiv, che è in media di 11.734 euro  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chi di tagli al welfare ferisce, senza coesione sociale perisce

prev
Articolo Successivo

In Russia vietata la “propaganda gay”. Milano ritira il gemellaggio

next