Un aereo Cessna a quattro posti è precipitato questa mattina dopo le 13 in via di Fioranello, vicino Ciampino, a Roma, vicino a un impianto di autodemolizione. Due le vittime. Sul posto polizia, carabinieri, vigili del fuoco e cinque autoambulanze del 118. In seguito all’impatto si è sviluppato un incendio di grandi dimensioni, ma le persone che lavorano nella struttura non sono rimaste ferite. Il velivolo, sarebbe caduto su un deposito giudiziario. Forse i passeggeri stavano effettuando delle riprese video quando, per cause ancora da appurare, il velivolo si è schiantato al suolo. I vigili del fuoco hanno individuato i corpi carbonizzati delle due persone che viaggiavano a bordo: sono due uomini, Antonio Savoldi, 39enne bresciano, operatore video, che da 20 anni era alle dipendenze della ditta bresciana, e Alfred Segariol, 50 anni, pilota, originario di Trieste.Il violento incendio che ne è scaturito, tuttora in corso, ha coinvolto una trentina di carcasse di auto. L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo(Ansv) ha aperto un’inchiesta di sicurezza sull’incidente. I due, dopo il volo, si sarebbero fermati a Roma. L’azienda fa sapere di non conoscere ancora nulla delle cause dell’incidente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi, ecco le immagini del tunnel alla “James Bond” di villa Certosa

prev
Articolo Successivo

Lampedusa, quando l’approssimazione vince

next