E’ stato disarmato l’uomo che questa mattina all’alba ha minacciato di suicidarsi davanti al Palazzo del Quirinale, a Roma. L’uomo, un italiano di 53 anni, è stato convinto a desistere dal capo pattuglia dei carabinieri del nucleo radiomobile, giunti davanti alla residenza del Capo dello Stato non appena scattata la segnalazione.

Sul posto erano arrivati anche gli agenti di polizia. Le forze dell’ordine avevano isolato la zona. L’uomo era armato e si trovava a bordo di un’automobile, fermo al centro della piazza davanti al Quirinale. Appena i militari tentavano di avvicinarlo si puntava una pistola alla tempia e minacciava di premere il grilletto. Ma dopo una breve trattativa è stato convinto a rinunciare al folle gesto.

La pistola consegnata, una Beretta calibro 92, è poi risultata caricata a salve. Ancora ignoti i motivi del tentato suicidio, forse legati a vicende giudiziarie di cui l’italiano sarebbe protagonista. Secondo i carabinieri, comunque, l’uomo, ora trattenuto nella caserma Quirinale dell’Arma, non sarebbe nuovo a questi episodi: già una volta avrebbe inscenato un’analoga protesta con minaccia di suicidio in piazza San Pietro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nola, la Pompei della preistoria annega nel fango. Nel 2009 Bondi aveva promesso aiuti

prev
Articolo Successivo

La fabbrica degli eroi

next