La storia riscritta dalle intercettazioni. Succede ascoltando i dialoghi in cella tra i fratelli Crisafulli, Biagio e Alex, boss di peso della malavita milanese coinvolti oggi nell’operazione Pavone 4 coordinata dal pm Marcello Musso. Al centro c’è un clamoroso errore giudiziario che a metà anni Novanta ha condannato l’imprenditore Daniele Barillà, che sarà assolto nel 2000, ma solo dopo aver scontato sette anni di galera. E’ il 28 gennaio 2007, quando Alex Crisafulli dice al fratello: “Ti saluta Carlos Bianchi quello che hanno arrestato della Tipo rossa nel ’92. Quello dei 50 chili che manteneva i contatti ti ricordi?”. Quindi commenta: “Il fatto della Tipo che casualità”. Risponde Biagio: “Una vita cambiata senza saper un cazzo”. Sì perché le cose vanno così: il giorno di San Valentino del 1992 è in corso un pedinamento del Ros. Si segue una Punto con il carico di droga e una Tipo amaranto che fa da staffetta. A un certo punto la Tipo esce a uno svincolo e contemporaneamente entra in scena quella di Barillà che inconsapevolmente si mette dietro all’auto dei trafficanti. Scatta l’arresto alla base del quale c’è un errore degli investigatori: non aver annotato la targa della Tipo amaranto giusta. Risultato: l’imprenditore viene fermato, con lui anche il monzese Carlo Bianchi.

Torniamo allora a quell’anno. Il primo take dell’agenzia Ansa è delle 17,23 del 25 febbraio 1992. Si dà conto dell’operazione Pantera, inchiesta anti-droga condotta assieme dal Ros di Genova e di Milano. A coordinare l’operazione c’è Francesco De Caprio, il capitano Ultimo che un anno dopo darà scacco matto a Totò Riina. Sotto la Madonnina nessuno si sorprende. Da pochi giorni è scoppiata Mani Pulite. Mario Chiesa è stato arrestato mentre tentava di gettare nel water una mazzetta. In quel 1992, così, i 288 chili sequestrati al porto di Livorno passano in sordina.

La stampa s’interessa poco al maxi-sequestro e ai collegamenti tra la malavita milanese e i cartelli colombiani. Per molti, però, si aprono le porte del carcere. Anche per Daniele Barillà. É accusato di aver contribuito a trasportare, fungendo da staffetta, 51 chili di droga. Quando lo portano in caserma è la vigilia di San Valentino. Quelli del Ros non hanno dubbi: la sua Tipo amaranto è l’auto che seguiva la Punto con la droga a bordo. Nessun dubbio e così per Barillà la giustizia corre veloce. Primo grado, Appello e Cassazione in pochi anni. Risultato: 15 anni di carcere. Ne sconterà sette, dopodiché la corte d’Appello di Genova annullerà la sua condanna dopo aver accettato la sua richiesta di revisione del processo. E’ un clamoroso errore giudiziario ratificato dalla Cassazione che concederà un maxi-risarcimento a Barillà.

Una vicenda incredibile sulla quale i fratelli Cisafulli si dilungano. Commenta Biagio: “Tu sei lì che stai facendo le tue solite cose…”. Alex riprende: “Lui in un modo io invece la fortuna dall’altra, perché io inconsapevolmente me ne sono andato”. Dentino ricorda: “Ti ho chiamato io, eravamo al ristorante quella sera ti ricordi? Era tardi eravamo già a tavola!”. Quindi i due boss passano a discutere di chi fece quell’inchiesta. Dice Dentino: “Tutti i cani erano su questa operazione no? Una furia di cani quei carabinieri”. E poi c’era quel maresciallo “che era un infiltrato”. E poi quel Michele Riccio, che all’epoca comandava il Ros di Genova e che solo anni dopo finì coinvolto in processi di mafia. E poi c’è quel De Caprio che fece la Duomo connection e che, racconta Alex Crisafulli, depose in aula sulla questione di Barillà. “Questo è arrivato tutto come un pentito incappucciato, ha parlato di me, della Duomo Connection: Crisafulli quando l’ho incontrato avevo la certezza morale che andasse là a comprare la droga però non avevo le prove… “.

E del resto del coinvolgimento di Alex Crisafulli e anzi del fatto che probabilmente su quella Tipo poi smarcatasi c’era lui, ne parla anche la moglie Daniela D’Orsi. E’ il 10 marzo 2007 e in tv sta andando in onda la fiction della Rai proprio sul caso Barillà. “C’era in tv, è risarcimento record per quello lì che è stato arrestato al posto di Alex! (Crisafulli Alessandro)”. Ma se ora Barillà abita in Spagna e si è rifatto una vita, sua nipote Francesca Barillà assieme alla madre Miriam Favorido è finita nella rete del Ros. Entrambe accusate di traffico di droga per aver gestito due batterie per conto del clan calabrese dei Muscatello.