C’è chi nel dubbio non ha messo niente. Tra questi anche la presidente della Camera Laura Boldrini e l’ex viceministro degli Esteri Bruno Archi (Forza Italia). Altri, come la vicepresidente del Partito Democratico Sandra Zampa, hanno preferito un frego. Ma ad avere i maggiori problemi con la dichiarazione del proprio stato civile nella scheda per la pubblicazione della situazione patrimoniale sono stati in particolare i deputati del Movimento Cinque Stelle. I grillini sono stati come sempre i migliori dal punto di vista della trasparenza: il 95% dei deputati e il 90% dei senatori hanno messo a disposizione il modulo. Ma quella domandina ha messo in difficoltà qualcuno di loro. L’ex capogruppo Riccardo Nuti, per esempio, ha scritto nubile. Stesso errore evitato per un pelo da Paolo Parentela che ha provato a eliminare le prove passando e ripassando sulle tre lettere “nub” che comunque sono rimaste visibili sotto la parola “celibe”. Al contrario alla collega Azzurra Cancelleri, in prima battuta, era venuto celibe, poi corretto subito dopo con la scrittura esatta. Ma c’è chi ha fatto di meglio. Filippo Gallinella, pure lui deputato, nella casella dello stato civile aveva inserito: italiano. La parola è stata poi cancellata e corretta con “sposato”. 

Sul tema, va detto, tutti i parlamentari si sono sbizzarriti. Tra le versioni alternative la parola “libero”, che in burocratese vorrebbe dire “stato civile libero”. Hanno fatto questa scelta in molti sia tra i Cinque Stelle sia nel Pd: da Alessandro Di Battista a Michele Anzaldi, da Andrea Colletti al sottosegretario Umberto Del Basso De Caro, da Laura Castelli a Pina Picierno. Poi ci sono i “burocratisti” puri come Roberto Morassut, Pd, che scrive “cgt” come se fosse una carta bollata dell’anagrafe, ma anche quelli impuri come Rocco Palese (Forza Italia) che mette “cng”, Michele Meta (Pd) e Franco Bordo (Sel) che scrive (cg, che vorrebbe dire coniuge). Luigi Manconi (Pd) è uno che si intende di diritti e fa pesare la sua esperienza: “libero di stato”, mentre i democratici Umberto Marroni e Colomba Mongiello ci provano prima del tempo (e delle leggi): “convivente”. Molti risparmiano sull’inchiostro scrivendo solo “N” o “C”, mentre Walter Rizzetto (M5s) sceglie “Ce”.