Siamo all’inizio della primavera, e l’acqua del Lago di Tenarda nell’Imperiese dovrebbe arrivare al livello della vegetazione. Tra lo specchio dell’invaso artificiale e gli alberi sono visibili invece ampie distese aride. La situazione del lago, situato a 1.300 metri d’altitudine nel Comune di Pigna, è l’immagine della crisi idrica che sta interessando il territorio. Una situazione mai vista, per il sindaco di Pigna, Roberto Trutalli, che si dice “preoccupato”: non manca molto all’avvio della stagione turistica, e non sa se la disponibilità dell’acqua potrà essere garantita nei mesi estivi. Secondo il primo cittadino serviranno “accorgimenti”, come “chiudere l’acqua la sera” e posizionare contenitori in paese dove sia possibile fare scorte per la notte. La grave carenza di piogge nei mesi invernali ha creato problemi di approvvigionamento idrico in tutta la provincia di Imperia. “Questo bene non è infinito, e in alcune realtà le sorgenti non hanno più acqua”, dice ancora Trutalli, che invoca un piano per la difesa delle risorse idriche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Plastica monouso e raccolta differenziata: dall’acqua al sapone, buone pratiche e dubbi. “Ma le responsabilità non siano solo dei consumatori” – Fai la tua segnalazione

next