Non ce l’ha fatta Paolo Sorrentino. Il suo È stata la mano di Dio non ha vinto l’Oscar come Miglior film straniero. Categoria agguerritissima quest’anno con cinque candidati che hanno viaggiato alla pari per parecchie settimane. Alla fine ha vinto il favorito, Drive my car del giapponese Ryusuke Hamaguchi. Due film esteticamente agli antipodi, quello di Sorrentino e quello di Hamaguchi.

L’Academy infine è stata maggiormente colpita dall’intarsio tragico minimalista di Drive my car, quarto Oscar, e 15esima nomination, come Miglior Film Straniero per il Giappone. Sorrentino era arrivato baldanzoso anche se molto compito sul red carpet assieme alla moglie Daniela D’Antonio, a Luisa Ranieri in rosso Jessica Rabbit e al giovane Filippo Scotti, nel film interprete del giovane Sorrentino. Tutta la crew del film aveva sul bavero un nastro blu in onore dei rifugiati ucraini. Sorrentino aveva già vinto l’Oscar come Miglior Film Straniero nel 2014 con La Grande bellezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Oscar 2022, Will Smith dà uno schiaffo a Chris Rock: “Togli il nome di mia moglie dalla tua fo***ta bocca”

next