Da oggi anche a Milano è entrato in vigore l’obbligo di super green pass per ristoranti, cinema, teatri e impianti sportivi. Fino al 15 gennaio “si entra solo se vaccinati o guariti” spiegano dal cinema Beltrade, dove gli spettatori del primo film del mattino non si sono fatti trovare impreparati. La stessa situazione si verifica a pranzo nei bar e ristoranti. L’ultimo aggiornamento dell’app di verifica C19 permette di distinguere il green pass ottenuto con il tampone da quello dei vaccinati e guariti. “L’auspicio è di non dover chiudere come è accaduto l’anno scorso – racconta il titolare del ristorante “Sciuscià a mare” Giuseppe Ciccarelli – negli scorsi mesi la maggioranza dei nostri clienti si è dimostrata favorevole al green pass, anzi diverse volte è successo che sono stati proprio loro a invogliare qualche ‘ribelle’ ad accomodarsi all’esterno”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Ferrero arrestato con l’accusa di bancarotta per il fallimento di quattro società. Sampdoria: “Si è dimesso da presidente”

next