Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, quello di Napoli Giovanni Melillo e quello di Palermo Francesco Lo Voi. Ci sono i capi dei maggiori uffici giudiziari del Sud tra gli otto magistrati che hanno presentato domanda al Consiglio superiore della magistratura (Csm) per succedere a Federico Cafiero De Raho nella carica di procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo. Ma non solo: si sono proposti anche il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro (diventato celebre per le sue indagini contro le ong nel Mediterraneo) quello di Messina Maurizio De Lucia e quello di Lecce Leonardo Leone De Castris, oltre a Giovanni Russo, già sostituto a Napoli e dal 2009 in procura nazionale antimafia, di cui è procuratore aggiunto dal 2016.

L’unica candidatura che non viene dal Mezzogiorno è quella di Marcello Viola, il procuratore generale di Firenze che è allo stesso tempo in corsa – così come Lo Voi – per il posto di procuratore di Roma, dopo che il Consiglio di Stato (confermando il Tar) ha annullato la nomina di Michele Prestipino decisa dal Csm a marzo 2020. Viola, però, è siciliano di nascita e ha lavorato molti anni nell’isola, di cui quattro come capo della procura di Trapani. Cafiero De Raho, il procuratore uscente in carica dal 16 novembre 2017, sta per terminare il suo primo mandato di quattro anni e non si può candidare per un secondo (come la legge in teoria permette) per raggiunti limiti di età: il prossimo febbraio compirà settant’anni, l’età massima concessa ai magistrati per il pensionamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nino Di Matteo: “Anche cordate di ufficiali di polizia giudiziaria per condizionare il Csm”

next
Articolo Successivo

Dal finanziamento illecito ai casi di corruzione, tutte le accuse e i fatti contestati a Renzi e al suo “Giglio”: ecco perché l’inchiesta Open non è un ‘processo mediatico’

next