“Era un amico. No, un fratello. Ancora non riesco a credere che sia morto. Pensare che la prossima settimana sarebbe dovuto andare dai suoi figli che non vedeva da sette mesi”. È incredulo e sgomento Karim, amico di Adil Belakhdim, coordinatore interregionale del sindacato Si Cobas di 37 anni, il sindacalista morto dopo essere stato investito da un camion durante una manifestazione sindacale a Biandrate, vicino Novara. “Non si può morire così, a 37 anni, mentre scioperi per i tuoi diritti. Perché è quello che stavamo facendo: manifestando per i nostri diritti di lavoratori”, aggiunge Gino Orsini, coordinatore nazionale di Si Cobas

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Novara, sindacalista muore travolto da camion durante uno sciopero. Arrestato l’investitore: “Ha forzato il blocco”. Ora si trova in carcere

next
Articolo Successivo

Whirlpool, lavoratori in piazza a Roma: “Sono cambiati tre governi ma non è mai stata trovata una soluzione per questa vertenza”

next