Il licenziamento dell’operaio di ArcelorMittal? Ho parlato con l’ad Lucia Morselli ma il caso non è stato chiarito. Mi è stato mandato l’atto con cui è stato licenziato il lavoratore, ma questo non spiega molto delle ragioni che hanno portato alla decisione del suo licenziamento, peraltro in un contesto nel quale la tensione sociale è molto forte“. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “Il caffè della domenica”, su Radio24, dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, a proposito del licenziamento di Riccardo Cristello, il tecnico di magazzino dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto. Il 45enne è stato licenziato perché nei giorni scorsi ha postato su Facebook uno screenshot, ritenuto denigratorio, che invitava alla visione della fiction di Mediaset ‘Svegliati amore mio’, sulle conseguenze sanitarie e ambientali delle emissioni di un’acciaieria.

Orlando spiega: “Naturalmente io non ho la possibilità di intervenire direttamente su questo provvedimento, ma credo che sia giusto che l’azienda spieghi ulteriormente quali siano le ragioni, la strategia e l’idea di relazioni con il territorio che vuole portare avanti, perché queste non sono cose che riguardano solo l’azienda. Quindi, il caso non è chiuso, perché alla mia richiesta di spiegazioni, mi sono state comunicate le contestazioni e lo status del lavoratore. Credo che sia utile avere qualche informazione in più, che chiederò alla stessa azienda“.

Il ministro si sofferma anche sulle riaperture invocate dal centrodestra e in particolare dal leader della Lega, Matteo Salvini: “Le riaperture non si realizzano con le dichiarazioni o con le interviste, ma accelerando sulle vaccinazioni. E finché questo processo non sarà a buon punto, sarà fondamentale sostenere le imprese. I numeri ci dicono che dobbiamo avere cautela nelle riaperture. Abbiamo visto cosa è accaduto in Sardegna. Dobbiamo accelerare sui ristori alle imprese e riaprire quando ci saranno le condizioni di sicurezza. In caso contrario, faremo un danno alle imprese stesse. Il Recovery Plan? La priorità – continua – è il potenziamento delle politiche attive per il lavoro. Il problema fondamentale è dato dai tempi. Per questo stiamo lavorando 24 ore su 24: per costruire risposte e per recuperare i ritardi che purtroppo si sono verificati. La regia del Recovery Plan andrà a un comitato di ministri, di cui l’unico politico è Speranza? Non ho nessuna notizia in tal senso e non mi risulta. In ogni caso, la cosa non è stata ancora discussa in Consiglio dei ministri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, dopo il ricalcolo decessi Covid anche Forza Italia mette sotto accusa Musumeci. Micciché: “Voglio sapere chi decide”

next
Articolo Successivo

Turchia, Orlando: “In molti Paesi si stanno facendo passi indietro sulla democrazia. Ragione economica non può farci chiudere gli occhi”

next