Nella notte tra sabato e domenica una trentina di manifestanti unionisti hanno lanciato 30 bombe molotov contro i poliziotti , incendiato le auto e divelto tombini di strada in un sobborgo del nord di Belfast. Il sovrintendente capo del comandante dell’area nord, Davy Beck, ha parlato di un vero e proprio “attacco orchestrato contro la polizia”, mentre il segretario dell’Irlanda del Nord Brandon Lewis ha fatto appello alla calma. Un uomo di 47 anni è stato arrestato e si trova in custodia.

C’è un crescente malcontento tra le fazioni unioniste filo-britanniche nell’Irlanda del Nord per gli accordi legati all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Gli accordi mirano a preservare una fragile pace nel territorio prevenendo un confine duro con l’Irlanda, membro dell’Ue. Il protocollo elimina la necessità di controlli doganali e regolamentari al confine con l’Irlanda spostando i checkpoint per le merci in arrivo dalla Gran Bretagna continentale ai porti dell’Irlanda del Nord. Gli unionisti sostengono tuttavia che si irrigidiscono i legami con il resto del Regno Unito introducendo barriere commerciali.

Ad alimentare la tensione, questa settimana, è stata anche la decisione di non perseguire 24 membri dello Sinn Fein che hanno partecipato al funerale a giugno dell’uomo-simbolo del partito, Bobby Storey, in palese violazione alle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19.

Video Twitter

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regno Unito, solo dieci decessi causa Covid: è il dato più basso da settembre

next
Articolo Successivo

In Serbia anche stranieri e turisti possono fare il vaccino. E chi lo vuole può scegliere tra 5 diversi sieri

next