Incastrato dalla sua passione: la cucina. Su Marc Feren Claude Biart, 53 anni, nato a Roma, pendeva un’ordinanza di custodia cautelare dal 2014 per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti per conto del clan Cacciola di Rosarno. Biart, prima di essere individuato dalle forze dell’ordine, era scappato, aprendo così un lungo periodo di latitanza, interrotto il 24 marzo scorso. La Direzione centrale della polizia criminale, guidata dal Prefetto Vittorio Rizzi, insieme all’Interpol, dopo una lunga attività di indagine, lo ha scovato a Boca Chica, nella Repubblica Dominicana. Come? Biart, appassionato di cucina, pubblicava insieme alla moglie una serie di video-tutorial di ricette su Youtube. L’uomo, per tutelarsi, non appariva mai in volto. Ma i tatuaggi sul suo corpo (altra sua passione) hanno permesso agli investigatori di identificarlo. Questa mattina è stato arrestato all’aeroporto di Malpensa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Panaro, il figlio del consigliere Dc di Paola ucciso nell’82 a Le Iene: “Indagati non processabili perché deceduti. Ma 6 sono vivi”

next
Articolo Successivo

“Epicentro”, a Reggio Calabria verso un nuovo maxi-processo alla ‘ndrangheta: 75 indagati. C’è anche Giorgino “Malefix” De Stefano

next