Una lunga fila di zaini appesi al muro della scuola. Vuoti, come i banchi dell’istituto elementare ‘Gino Capponi’ a Milano, e appesi a un filo, come il futuro della didattica in presenza. Dopo il passaggio della Lombardia in zona ‘arancione scuro’, il 5 marzo, sono state chiuse le scuole di ogni ordine e grado e anche i bambini delle elementari sono tornati in didattica a distanza. Per questo nella mattinata del 17 marzo, davanti all’istituto di via Pestalozzi, si è svolta la “mobilitazione degli zaini”. Su iniziativa del gruppo ‘Capponi Scuola Aperta’, genitori e bambini si sono riuniti dopo la fine delle lezioni in didattica a distanza per porre l’attenzione sulla chiusura delle scuole e le conseguenze della dad. “È uno strumento di emergenza e tale deve rimanere”, sottolinea il movimento.

“Non capiamo il perché di questa decisione, dai dati dei contagi sappiamo che la scuola è uno dei luoghi più sicuri – ha spiegato Emanuele Monfrini, uno dei papà del gruppo – Lasciare di nuovo a casa i bambini vuol dire sacrificare la loro educazione sociale”. Come raccontano i genitori, dalla riapertura di settembre sono state poche le classi messe in quarantena e sempre a causa di un contagio avvenuto all’esterno. L’obiettivo del movimento è diffondere l’importanza della scuola in presenza come luogo di istruzione e di apprendimento culturale, ma anche di socializzazione, democrazia e contrasto delle disuguaglianze. “Sarebbe bello che i bisogni educativi venissero finalmente messi al centro dell’agenda politica – ha affermato Umberto Biscaglia – non possiamo stare fermi a guardare un’intera generazione diventare cittadini ‘a distanza’”, conclude.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Trattenuta Brunetta” ai docenti con effetti collaterali da vaccino, una preside di Milano si rifiuta di applicarla

next
Articolo Successivo

Protesta sotto a Regione Lombardia, alunni ed insegnanti in presidio per la riapertura delle scuole. “I bambini hanno bisogno di socialità”

next