Il mondo della scuola è tornato a protestare a Milano, a poche ore dall’annuncio della zona arancione rafforzato che da domani coinvolgerà tutta la Regione: chiusi tutti gli istituti con gli studenti che torneranno in didattica a distanza. Il comitato A Scuola! ha organizzato un flashmob sotto la Regione Lombardia a cui hanno partecipato genitori e docenti. “Se davvero la situazione sanitaria sta precipitando, allora si chiuda tutto, ma la scuola è sempre la prima testa che cade in questo Paese”, ha detto Stefania Cecchetti, presidente del comitato A Scuola!.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Successivo

Napoli, la protesta dei genitori contro la didattica a distanza: “Non è una questione di zona rossa. Qui le scuole non hanno mai riaperto”

next