Anche Elisa dopo Fedez, Neri Marcoré, Mara Maionchi, Nina Zilli e tanti altri, si schiera contro il riscaldamento globale. La cantante ha realizzato un testo inedito, di 30 secondi, rivolto a sensibilizzare i suoi fan, chiedendo loro di firmare la petizione lanciata con la campagna stopglobalwarming.eu, che ha già raccolto 50mila firme, per tassare le emissioni di Co2.

L’iniziativa, promossa da Marco Cappato, leader di Eumans!, vuole spingere l’Unione europea a considerare la proposta sulla Carbon Tax. Solo al raggiungimento del milione di adesioni, si legge nel comunicato, la Commissione europea sarà obbligata a considerare la proposta. Con le risorse ricavate, si potrebbe incentivare il risparmio energetico – si legge ancora – promuovere le energie rinnovabili (oggi meno competitive a causa del crollo, in seguito alla pandemia, del prezzo delle energie fossili) e ridurre le tasse sui redditi più bassi. L’iniziativa, che terminerà il 22 aprile (termine appena prorogato dall’UE, proprio in occasione della giornata mondiale della Terra) è sottoscrivibile su “www.StopGlobalWaming.Eu” (dove vengono raccontati tutti i dettagli tecnici). Non è una semplice petizione online, ma uno strumento istituzionale previsto dai Trattati dell’UE con valore formale, attraverso il quale un milione di cittadini da almeno 7 Paesi possono esigere dalla Commissione europea di esprimersi su una richiesta. Oltra Elisa altri protagonisti del mondo della cultura e dello spettacolo si sono già uniti alla maratona per l’ambiente. Da Oliviero a Toscani al climatologo Luca Mercalli, e artisti come Gabriele Salvatores, Biagio Antonacci, Gabriele Muccino, Kasia Smutniak, Pif, Fedez, Tessa Gelisio, Mara Maionchi, Giobbe Covatta Nina Zilli, Neri Marcorè, Giulia Innocenzi, Cristiana Capotondi, Arisa, e Pierluigi Pardo. Ma anche sportivi, come i “Green Heroes” e alcuni degli You Tuber più apprezzati, come Edoardo Mecca, A gipsy in the kitchen, Storie Sfuse.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chef Giorgio Locatelli: “La situazione è tragica e Renzi apre la crisi? Ma perché non va a lavorare? Mi cadono le p***e”

next
Articolo Successivo

Prof si dimentica di spegnere la telecamera e fa sesso davanti agli studenti durante una lezione online

next