Ha fatto partire un video didattico per “tenere occupati” i suoi studenti mentre lui faceva sesso con un’altra persona. Peccato però, che si sia dimenticato di spegnere la telecamera e così gli alunni hanno visto tutto davanti ai loro occhi. È quanto successo a Urbino, durante una lezione online di un docente dell’Accademia di Belle Arti. A raccontare il caso è Il Resto del Carlino, che segnala come il fatto sia avvenuto poco prima di Natale ma l’Accademia abbia deciso di renderlo noto solo ora che sono state ufficializzate le dimissioni del docente. È stato lui stesso a scrivere una lettera di scuse e lasciare l’incarico dopo che la notizia dell’episodio era stata segnalata al direttore dell’Accademia, Luca Cesari.

Tutto pensavo tranne che potessi essere visto in diretta – ha spiegato l’uomo scusandosi pubblicamente per l’accaduto -. La persona che era con me non la vedevo da diversi mesi per colpa della pandemia. Una lontananza che pesava perché il nostro è un rapporto stabile. Sono mortificato perché una cosa di questo genere non mi era mai accaduta e mai più accadrà. Convinto che i ragazzi fossero impegnati a seguire i filmati e la lezione, ci siamo lasciati andare. Ho ceduto. Vorrei essere giudicato sotto il profilo umano perché non sono un perverso e neanche un esibizionista“, ha concluso.

Il docente – che il direttore definisce “un professore ottimo, anche molto seguito, certamente rispettato dagli studenti” – era convinto di non esser visto dagli studenti ma la webcam del suo computer ha invece ripreso tutto quello che accadeva nella sua stanza, immortalandolo mentre si lasciava andare ad atti sessuali anziché fare lezione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili