Studenti in piazza contro la didattica a distanza anche a Roma, dove lunedì 11 gennaio i ragazzi delle superiori hanno manifestato sia davanti ai propri istituti sia davanti al ministero dell’Istruzione. “Vogliamo ritornare a scuola in sicurezza” è il leitmotiv ripetuto dai ragazzi. Al ministero dell’Istruzione la Rete degli Studenti Medi ha organizzato un sit-in per sollecitare il ritorno in classe. “La posizione di contrarietà alla Dad penso che sia una posizione di buon senso” commenta così le dichiarazioni della ministra Lucia Azzolina il rappresentante della Rete, Luca Ianniello. “Ma com’è possibile che se siamo tutti contro la didattica a distanza non siamo ancora a scuola?”.

Favorevoli al rientro in classe sono anche i docenti, secondo Tito Russo della Cgil scuola, ma “a particolari condizioni che in questi mesi non sono state garantite”. Spiega il sindacalista: “Abbiamo passato settimane intere a parlare dei banchi monoposto quando ci voleva uno screening e un tracciamento adeguato, una politica sugli spazi per garantire il distanziamento”. A preoccupare i docenti anche la dispersione scolastica: “Soprattutto nelle aree periferiche di Roma e nei ceti medio-bassi la Dad sta incidendo sulla volontà di proseguire il percorso di studi. Se non si garantiscono pari opportunità per tutti è evidente che i soggetti più fragili vengono meno”.

Sempre in mattinata, i rappresentanti d’Istituto di quaranta scuole della Capitale si sono dati appuntamento in Campidoglio, per protestare contro l’inefficienza dei mezzi di trasporto della città. “Abbiamo scritto una lettera all’indirizzo di tutte le autorità competenti dove abbiamo chiesto anche tanto altro” chiarisce Giuseppe Lavitola, rappresentante d’istituto del Liceo Classico Dante Alighieri e promotore dell’iniziativa. “Abbiamo chiesto chiarezza per l’esame di maturità e un uso adeguato dei fondi del Next Generation EU non solo per migliorare le infrastrutture scolastiche ma anche quelle digitali”

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, a Firenze gli studenti delle superiori rientrano in classe: ‘Emozionante tornare, siamo fortunati. Didattica a distanza? Per molti faticosa’

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, Google meet a pagamento per chiamate con oltre 100 partecipanti. Il Miur: “A settembre nuova piattaforma”

next