Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, è intervenuto in diretta all’Aria che Tira per parlare di Recovery Fund, crisi di governo e anche di scuola. Durante l’intervento dell’ex premier, la conduttrice Myrta Merlino ha dato la parola a Giulia, giovane studentessa che stava partecipando alla manifestazione a Roma contro la didattica a distanza. “Stanno parlando di crisi di governo mentre il nostro diritto allo studio viene continuamente calpestato – esordisce la ragazza – È un vero e proprio teatrino”. Poi continua: “Renzi parla tanto di scuola ma è il primo che ha rovinato tutto con la buona scuola introducendo l’alternanza scuola lavoro che ci educa a diventare lavoratori schiavi e non individui…”. L’intervento a questo punto sfuma, poi viene interrotto dalla conduttrice che manda la pubblicità: “Renzi è tra quelli che ha sempre voluto riaprire le scuole”. Al ritorno in studio Merlino dà la parola a Renzi, che risponde alla studentessa: “Io l’ho detto da aprile, sono la prima cosa da riaprire – spiega – Quanto a Giulia, lei non condivide alcune delle cose fatte dalla buona scuola, come l’alternanza scuola lavoro, io penso che invece sia una cosa positiva”. Poi conclude: “Ma comunque la pensi, vanno spesi i soldi del recovery per i giovani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Zambon parla a La7: “Dalla denuncia intorno a me solitudine, dall’Oms non ho avuto solidarietà”

next
Articolo Successivo

Governo, Bersani su La7: “Renzi punta alla crisi per acquisire centralità. Con Conte sta usando la stessa retorica che adottò con Enrico Letta”

next