“Scrivere, leggere, contare sui banchi era faticoso e a volte eravamo stanchi, ma com’era divertente imparare insieme ai compagni“. Sono le parole, ispirate ai versi di una poesia di Germana Bruno, con cui i bambini della 3C della scuola primaria De Amicis di Busto Arsizio hanno raccontato il 2020 che si sta per concludere visto dai loro occhi. L’isolamento in casa, i saluti dai balconi, le lezioni in cameretta, lontano dagli amici e dai compagni di classe. E poi il tempo trascorso con i genitori, tra merende e torte fatte in casa. “Guardavo le persone dal balcone e avrei voluto dar loro un abbraccione. Prima di andare a dormire pensavo a quanto era bello andare a scuola”. Grazie al lavoro delle insegnanti ne è nata una video-filastrocca collettiva, pubblicata sui canali social della scuola come speciale augurio per il 2021.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, le tasse alte non frenano le immatricolazioni: nell’anno della pandemia +7,04% di iscritti agli atenei italiani

next
Articolo Successivo

Chissà come sarà la scuola che verrà: di sicuro una cosa l’abbiamo capita

next