Mascara, rossetti, ciprie e fondotinta sono trucchi che si trovano comunemente nelle trousse, ma sono anche prodotti con l’utilizzo di ingredienti in plastica. Ingredienti invisibili, difficili (anzi, impossibili) da individuare a occhio nudo. L’unica possibilità è quella di informarsi ed essere consapevoli dei propri acquisti. Ecco perché Greenpeace mette a disposizione una guida, per aiutare a riconoscere gli ingredienti in plastica più utilizzati e, contemporaneamente, lancia un video spot realizzato dall’agenzia creativa DVL BBDO, diretto dal regista Matteo Rovere con la casa di produzione Groenlandia. Protagonista è l’attrice Greta Scarano. Il video ha lo scopo di denunciare e sensibilizzare il pubblico sul tema dell’inquinamento dei mari e del Pianeta, focalizzandosi proprio sulla presenza di ingredienti in plastica nei più comuni prodotti di make-up.

IL TRUCCO C’È – Secondo i dati raccolti da Greenpeace nei trucchi, infatti, possono trovarsi ingredienti in plastica sia in forma solida, noti come microplastiche, ma anche in forma liquida, semisolida o solubile e destinati a finire nell’ambiente e aggravare lo stato di contaminazione del Pianeta. Il video vuol far riflettere proprio sull’effetto di lunga durata dei trucchi sul nostro volto, ma anche sulla lunga permanenza degli ingredienti in plastica contenuti al loro interno che, a causa della scarsa biodegradabilità, possono contaminare l’ambiente per secoli.

LE ALTERNATIVE – Occorre, allora, scegliere tra ambiente e make-up? Non è detto. Oggi è già possibile, infatti, non utilizzare prodotti con ingredienti in plastica nei mascara, rossetti, lucidalabbra, fondotinta, ciprie e illuminanti e proprio con la guida di Greenpeace ‘Il trucco c’è’ sarà più facile individuare i prodotti che ne sono privi. “Diffondiamo questa guida – spiega Giuseppe Ungherese, responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia – per aiutare le persone a scegliere i prodotti privi di ingredienti in plastica già disponibili sul mercato, in modo che le consumatrici e i consumatori possano fin da subito iniziare a fare la loro parte in difesa del mare e del Pianeta”. Basterà utilizzare, al momento dell’acquisto, l’elenco degli ingredienti in plastica usati più comunemente e verificare se vengano riportati anche nella lista degli ingredienti dei trucchi che si intendono acquistare, che segue la nomenclatura internazionale INCI (International Nomenclature of Cosmetics Ingredients) e che si trova abitualmente sulla confezione.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Lo smog tra le cause della morte di una bimba di 9 anni”: sentenza storica in Gran Bretagna

next
Articolo Successivo

Legambiente: frutta e verdura, oltre la metà di quella che compriamo contiene residui di uno o più pesticidi

next