“La didattica a distanza è sempre stata considerata una ruota di scorta, oggi avrebbe dato maggiore soddisfazione. È una vicenda che porteremo in sede giudiziaria, perché il nuovo dpcm esclude la dad – così Pasqualino Pavone, presidente dell’Aivec, associazione che rappresenta le vittime dell’emergenza Coronavirus – Abbiamo suggerito agli organi istituzionali di basarsi sul principio di precauzione, che a oggi non è stato tenuto in considerazione. Quest’estate siamo stati cicale e non formiche. I nostri informatori ci hanno segnalato che in molte regioni monitorate il contagio è direttamente riferibile all’apertura delle scuole con la didattica in presenza, intendendo anche il trasporto pubblico e gli spazi comuni”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuole nel caos tra contagi, graduatorie e didattica in presenza: una follia senza ‘senno’

next
Articolo Successivo

Contagi a scuola: tra gli studenti i positivi sono lo 0,08%, tra i prof lo 0,13. L’Iss: “Trasmissione virus limitata, ma monitorare anche fuori”

next