Per Andrea Crisanti il nostro Paese è davanti a un bivio: “Così come siamo il sistema è saturo. Via via che i casi aumentano, la capacità di contact tracing e fare tamponi diminuisce e si entra in un circolo vizioso che fa aumentare la trasmissione del virus”. La curva epidemica, come dimostrano i dati dei contagi delle ultime settimane, è già in risalita. E le previsioni del virologo dell’università di Padova, qualora non si intervenga in modo deciso, non lasciano spazio a dubbi: “Tra 15 giorni non vorrei trovarmi a discutere di 15mila casi al giorno“, dice a Rainews24. Un’impennata che si rifletterà anche sulla situazione negli ospedali: i ricoveri in terapia intensiva “sono in ritardo di una settimana, i morti di circa 20 giorni: con l’aumento dei contagi i numeri peggioreranno” È per questo che serve subito un’inversione di rotta, altrimenti “un lockdown a Natale è nell’ordine delle cose”, aggiunge, citando l’esempio della Gran Bretagna che ha deciso di fare un lockdown durante le vacanze scolastiche.

Anche Walter Ricciardi, il consulente scientifico del ministero della Salute e membro del comitato esecutivo dell’Oms, vede nero: “Qualche giorno fa ho stimato che se non si fossero prese misure come quelle che stiamo prendendo adesso si sarebbe potuto arrivare a novembre a 16mila casi (al giorno, ndr)”, dice a Tv2000. “In realtà il ritmo di crescita è talmente forte che potremmo arrivarci anche prima. Per cui è necessario rispettare le vecchie regole e introdurre queste nuove”. A chiarire ulteriormente quale sarà l’impatto sugli ospedali del Paese è l’epidemiologo dell’Iss, Patrizio Pezzotti: “Tra la comparsa dei sintomi e il decesso trascorrono mediamente due settimane“, avverte a La Stampa. “Perciò le oltre 40 vittime che contiamo oggi sono quelle che si sono ammalate quando avevamo poco più di 1.600 contagi al giorno. Ora, con quasi 6mila contagi in un giorno e con il nostro tasso di letalità, la curva dei decessi tra un paio di settimane è destinata a sfiorare le tre cifre“.

L’unica soluzione, su cui concordano sia Pezzotti che Crisanti, è quella di far ripartire il meccanismo del tracciamento dei contatti. “Il sistema si è rotto facendo aumentare contagi e vittime quando con l’incremento dei positivi non è stato possibile fare sul territorio i tamponi a chi ha avuto contatti a rischio con positivi”, aggiunge l’epidemiologo. Ancora più duro l’esperto padovano, che con la sua strategia ha permesso al Veneto di contenere il virus nei mesi più duri della pandemia. Il problema, spiega sempre a Rainews, è che finora il governo ha adottato “misure per inseguire il virus” anziché “per anticiparlo. È vero che non c’è un manuale per affrontare la pandemia, ma dalla prima ondata avremmo dovuto imparare molte cose“. A suo parere, in realtà un blocco totale dei movimenti è da escludere (almeno per ora). “Forse più che le Regioni dobbiamo chiudere temporaneamente determinate aree di una regione, capire quali sono i luoghi dove ci sono più contagi. Se si generalizza si crea più danno che beneficio”.

Crisanti poi se la prende con i membri del Comitato tecnico scientifico che fin qui hanno consigliato Palazzo Chigi nelle iniziative da intraprendere: “È incredibile che non ci siano esperti del mondo accademico come avviene in tutti i Paesi del mondo. Invece ci sono esperti che l’epidemia l’hanno vista in televisione, non hanno visto come si combatte contro il contact tracing e gli effetti delle misure”. Su un punto il docente padovano è d’accordo con il Cts: i mezzi di trasporto affollati “sono una situazione che favorisce il contagio“. La soluzione, però, non è “discutere se diminuire la capienza”. Una cosa che si potrebbe fare è obbligare i passeggeri a indossare mascherine chirurgiche e vietare l’ingresso con mascherine fai da te“.

Sull’argomento è intervenuto su Twitter pure l’infettivologo del Sacco di Milano Massimo Galli. “Gli interventi proposti per arginare il Covid saranno utili se troveranno effettiva applicazione. Ma tocca invertire la tendenza in tempi molto brevi”, scrive. “L’affollamento sui mezzi di trasporto pubblico resta un problema irrisolto“. Come uscirne? “Ritengo che si debba tornare ad implementare il lavoro da casa e l’insegnamento a distanza, dimezzando almeno nelle scuole superiori il numero giornaliero dei frequentanti ‘in presenza’”, afferma Galli, appoggiando la proposta avanzata nelle scorse ore dal governatore del Veneto Luca Zaia. Un punto su cui però la titolare dell’Istruzione Lucia Azzolina non ha intenzione di cedere, dopo che ieri ha ribadito che “le lezioni in presenza sono fondamentali” anche per i ragazzi più grandi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Ricciardi: “Il ritmo di crescita dei casi è forte, potremmo arrivare presto a 16mila contagi al giorno. Necessario rispettare regole”

next
Articolo Successivo

Alto Adige, la Giunta provinciale Svp-Lega non recepisce il Dpcm con le nuove restrizioni anti-Covid. Kompatscher: “Non servono”

next