I contagi tra i ragazzi non avvengono dentro le scuole. È quello che afferma la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina, dati dell’Istituto Superiore di Sanità alla mano: “I numeri e le analisi dell’Istituto superiore di Sanità ci confermano che i contagi non avvengono dentro le scuole. L’attenzione deve essere invece orientata fuori, alle attività extra scolastiche, come ribadiamo da tempo”, ha affermato.

La scuola resterà aperta e la ministra respinge l’idea, avanzata da alcune Regioni in primis dal Veneto di Luca Zaia, di utilizzare solo didattica a distanza alle superiori e allentare così il rischio di contagio. “I ragazzi sono felici di essere tornati a scuola. E ci devono rimanere – insiste Azzolina – Anche per quelli più grandi la didattica in presenza è fondamentale perché garantisce formazione ma anche socialità, che altrimenti i giovani andrebbero a cercare altrove”.

L’ipotesi viene respinta anche dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia: “La didattica a distanza è sempre utilizzabile. Ma in questo momento non è un’opzione sul tavolo”, ha precisato a Sky Tg24. “Tutti gli sforzi che stiamo facendo – ha aggiunto – sono per difendere il lavoro e la scuola“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bocciato, inganna i genitori creando una mail falsa della scuola. La preside lo denuncia, il giudice lo perdona. Il legale: “Lezione di vita”

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, poniamoci un obiettivo realistico: rientrare in classe a settembre 2021

next