Un tutti contro tutti o giù di lì. Il nodo dei mezzi pubblici torna ed è braccio di ferro tra ministeri, enti locali e le aziende di trasporto locale. Sul tavolo l’incremento dello smartworking, la didattica a distanza e la necessità di ridurre la capienza di bus, tram e metropolitane o, appunto, alleggerire il carico riportando gli studenti delle scuole superiori dalle classi a casa e tenere i dipendenti lontani dagli uffici. Il punto è previsto mercoledì davanti alla ministra dei Trasporti Paola De Micheli. Di fronte avrà le aziende, i rappresentanti della Conferenza delle Regioni, di Anci e di Upi per un confronto sulle misure di contenimento dei contagi. Dopo le segnalazioni di assembramenti sui mezzi e nelle stazioni che nelle ultime settimane, a partire dalla riapertura delle scuole, si sono moltiplicate da Milano a Roma fino a Cagliari, le posizioni sono differenti e spesso anche contrastanti all’interno dello stesso “schieramento”.

Regioni e Comuni su posizioni diverse – È il caso delle Regioni. Il no alla didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiore è arrivato da Nicola Zingaretti, mentre si è detto favorevole il governatore veneto Luca Zaia: “La questione l’ho posta io, ma era un po’ un fuori tema, non era in discussione nel Dpcm. Se pensassimo alla didattica a distanza per le ultime 2-3 classi, delle superiori, magari in alternanza, un giorno sì e 2 no, una settimana sì e 3 no, verrebbe tolta tanta pressione sui trasporti”. Un intervento è invece chiesto anche dai sindaci, come anticipato già lunedì da Antonio Decaro. Il primo cittadino di Bari e presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni è tornato a spiegare che la capacità dei mezzi “non deve superare l’80%”. Ma non solo: “Noi vorremmo abbassare questa percentuale. Il Cts parlava del 50% per stare tranquilli, ma per arrivare al 50% abbiamo bisogno di più mezzi e risorse. Tutti quelli in circolazione li stiamo utilizzando”. Le aziende di trasporto “non ce la fanno”, ha spiegato. “Si sovraccaricano i mezzi di trasporto pubblico perché si muovono insieme pendolari e studenti”, ha detto ancora il presidente dell’Anci e quindi “una soluzione può essere tornare allo smartworking e scalare gli orari di ingresso e di uscita dalle scuole, altrimenti rischiamo di avere il distanziamento nelle aule ma non riusciamo a rispettarlo nei bus”.

No di Azzolina e dei presidi – Netta la contrarietà della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina: “I ragazzi sono felici di essere tornati a scuola. E ci devono rimanere. Anche per quelli più grandi la didattica in presenza è fondamentale perché garantisce formazione ma anche socialità, che altrimenti i giovani andrebbero a cercare altrove”, ha detto la ministra Lucia Azzolina. Alla titolare dell’Istruzione fanno eco i presidi: “Non è pensabile sostituire la didattica in presenza con la didattica digitale integrata a causa dei problemi del trasporto pubblico. Questo equivarrebbe a negare il diritto allo studio e alla socialità soprattutto a quei ragazzi con disabilità o con altre difficoltà o anche semplicemente il diritto alle attività laboratoriali ove previste dal ciclo di studi”, la presa di posizione del presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli. “La didattica digitale integrata è e rimane un valido strumento, dimostratosi indispensabile nei mesi del lockdown, da utilizzare però in modo ragionato e circoscritto”, aggiunge sottolineando che “non possiamo pensare che diventi la soluzione per problemi per i quali si sarebbe potuto e dovuto cercare una soluzione nei mesi scorsi”. In sostanza: “Non si possono scaricare sul mondo della scuola problemi che vanno affrontati e risolti in altri contesti”, conclude.

Le aziende e l’immunologa – Di fronte alla richiesta di una stretta, le aziende del trasporto pubblico avvisano che, in base a un report dell’Ufficio Studi di Asstra, se si verificasse una riduzione ulteriore del riempimento dei mezzi, attualmente consentito all’80% ,”risulterebbe difficile continuare a conciliare il rispetto dei protocolli anti Covid-19 e garantire allo stesso tempo il diritto alla mobilità per diverse centinaia di migliaia di utenti ogni giorno”. Con un’ulteriore conseguenza: “Il rischio di fenomeni di assembramento alle fermate e alle stazioni”. La questione resta aperta e il fronte sanitario si definisce “perplesso”. È il caso dell’immunologa Antonella Viola, ordinaria di Patologia generale del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova: “Ci sono dei punti nell’ultimo Dpcm che non sono stati toccati e che invece, per la loro criticità, vale la pena ricordare. Uno di questi è certamente quello dei trasporti”. Secondo la professoressa, i trasporti sono “un nodo cruciale perché la mascherina non ci può proteggere nelle condizioni di forte assembramento che abbiamo visto nei tram e nelle metropolitane”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Vergallo (presidente anestesisti): “Aumento esponenziale dei malati in terapia intensiva. È l’inizio della seconda ondata”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Gimbe: “Rapporto positivi/casi testati è salito al 6,2%”. Le percentuali più alte in Valle D’Aosta e Liguria – IL GRAFICO

next