Sono i 5.901 nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ventiquatt’ore su 112.544 tamponi processati. Rilevante l’aumento delle terapie intensive: 62 pazienti in più rispetto a lunedì necessitano di assistenza. Incremento anche dei ricoveri (+255) e delle vittime (+41). La Lombardia resta la regione con il maggior incremento con 1.080 contagi su 17.186 tamponi, seguita dalla Campania (635) e dal Piemonte (585). Oltre 500 positività anche nel Lazio con 579, seguito da Veneto e Toscana che si fermano rispettivamente a 485 e 480. È record negativo di nuovi casi in Liguria con 447 su 4.766 test: una proporzione che conferma il rapporto di uno a dieci sui tamponi positivi/processati degli ultimi tre giorni.

L’Emilia-Romagna ha tracciato 341 casi e la Sicilia 334. Fanno segnare più di 100 casi anche Puglia (180), Sardegna (157), Abruzzo (146) e Umbria (136). Le uniche due aree con meno di 30 casi sono la Provincia di Trento (28) e la Basilicata con 8. Sulla base dei dati dell’ultimo bollettino del ministero della Salute, gli attualmente positivi sono 87.193, di cui 81.603 in isolamento domiciliare. Le persone ricoverate con sintomi in reparti Covid sono ormai 5.076, ovvero 255 in più di lunedì. Salgono anche i tassi di occupazione delle terapie intensive: i 62 pazienti trasferiti in rianimazione nelle ultime 24 ore portano il totale dei posti letto occupati a 514.

Tutte le Regioni, eccezion fatta per il Lazio (-31) e la Calabria (0), registrano un aumento di posti letto occupati: il maggior numero di ricoveri riguarda la Lombardia (+83), l’Emilia-Romagna (39) e il Veneto (28). Un aumento di malati in terapia intensiva si registra invece in 13 aree del Paese (Lombardia +12), mentre solo la Campania (-2) fa segnare un decremento di persone in condizioni critiche.

Nei primi due giorni di questa settimana sono stati 10.520 i contagi tracciati, con oltre il 5% di positività sui tamponi: più del doppio degli stessi giorni della scorsa settimana (4.934) e oltre il triplo di due settimane fa (3.142). L’aumento inizia a riflettersi anche sui decessi: sono stati 80 nelle ultime quarontott’ore, la scorsa settimana furono 44 tra lunedì e martedì e due settimane fa 40. In totale i morti dall’inizio della pandemia sono 36.246 dei 365.467 contagi accertati. In 242.028 (+1.428) sono invece stati dimessi o sono guariti.

Il contagio regione per regione

Lombardia 1.080 – ieri 696
Piemonte 585 – 454
Emilia-Romagna 341 – 337
Veneto 485 – 328
Lazio 579 – 395
Campania 635 – 662
Toscana 480 – 466
Liguria 447 – 186
Puglia 180 – 157
Sicilia 334 – 298
Marche 82- 37
Trento 28 – 2
Friuli Venezia Giulia 38 – 59
Abruzzo 146 – 117
Sardegna 157 – 129
Bolzano 34 – 45
Umbria 136 – 148
Calabria 44- 53
Valle d’Aosta 33 – 32
Basilicata 8 – 11
Molise 49 – 7

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sardegna, fuga di volontari dal 118: “Ancora aspettiamo i rimborsi per le mascherine”

next
Articolo Successivo

Il sindacato dei medici avverte: “Reparti Covid cominciano a riempirsi, soprattutto al Sud”

next