Dopo il contagio alla Marymount di Roma, anche in Friuli c’è un primo caso di positività a scuola: si tratta di una studentessa che frequenta l’Istituto tecnico “Malignani” di Cervignano del Friuli, in provincia di Udine. In questi giorni era in classe per seguire i corsi di recupero, quando ha scoperto di essere positiva. La notizia è stata confermata dal dirigente scolastico dell’Isis Bassa Friulana, Oliviero Barbieri.

L’istituto è stato chiuso per la sanificazione, mentre una decina di studenti e due insegnanti, che sono stati a contatto con l’alunna, verranno sottoposti al tampone. Nei prossimi giorni i corsi di recupero proseguiranno online. “La studentessa – spiega Barbieri – era presente a scuola la mattina del 2 settembre. Una volta che ci è stata comunicata la positività al Covid, abbiamo contattato il Dipartimento di prevenzione, che ora effettuerà i test su 12-13 ragazzi che hanno assistito con lei alle lezioni e su due docenti. In attesa degli esiti dei tamponi, i corsi di recupero proseguiranno online, poi ripartiremo in presenza”.

Al momento, aggiunge Barbieri, “abbiamo previsto la chiusura della scuola per tre giorni, durante i quali procederemo con la sanificazione degli ambienti”. Nell’istituto frequentato dalla studentessa positiva sono circa 150 gli alunni coinvolti nei corsi di recupero e che ora seguiranno le lezioni online. “Gli altri plessi dell’Istituto – conclude il preside – continueranno con la didattica in presenza”.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riapertura scuole: servono più spazi. Nessuno però si occupa dell’edilizia scolastica da tempo

next
Articolo Successivo

Scuola, la circolare sui “lavoratori fragili” scongiura la fuga dei docenti causa Covid. Ma non si sa come sostituire chi sarà esentato

next