Decine di ulivi affetti da Xylella sono stati dati alle fiamme nella notte in Salento: l’incendio, di natura dolosa, sta impegnando i vigili del fuoco il cui lavoro è ostacolato dal forte vento di tramontana che spinge il fronte del rogo fino a lambire la strada. Le fiamme sono state appiccate su numerosi terreni abbandonati che si susseguono sul margine della statale 101, la Lecce-Gallipoli, in agro di Lequile. Si tratta dell’ennesimo rogo che ha divorato centinaia di arbusti ormai secchi, uccisi dal batterio killer. Il fenomeno sta assumendo numeri allarmanti: dallo scorso maggio – evidenzia la sala operativa dei Vigili del fuoco di Lecce – arrivano quotidianamente anche fino a sessanta chiamate per avvisare di incendi divampati nei campi abbandonati dove ci sono alberi secchi uccisi dalla fitopatia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sicilia, gli incendi stanno devastando la mia terra. Ma tutti noi proviamo a fare la nostra parte

next