“Un uomo qui fuori mi ha chiesto se mi interessava pagarlo per avere una prestazione sessuale con un bambino di 2 anni“. Così un turista sul lungomare di Ostia ha denunciato quanto gli era appena accaduto: un’offerta abominevole da parte di un giovane che lo aveva avvicinato. Il bagnante era nelle vicinanze dello stabilimento delle Fiamme Gialle e così ha dato subito l’allarme. I finanzieri hanno subito dato il via a un inseguimento, con il 25enne che ha tentato di fuggire passando anche sui tettini e sui cofani delle auto parcheggiate, fino al definitivo arresto. Quando è stato bloccato ha cominciato a pronunciare frasi sconnesse e alla domanda su chi fosse il bambino che era con lui ha risposto “Gesù”.

Le frasi senza senso e i vaneggiamenti sono continuati anche in caserma. Gli uomini della Guardia di Finanza di Ostia hanno tentato di conoscere la sua vera identità e capire da dove venga, ma l’uomo ha continuato a rispondere con riferimenti religiosi. Si è riuscito solo ad accertare che il 25enne è di etnia rom e che, probabilmente, non vive in uno dei campi della Capitale ma forse in qualche insediamento abusivo. L’uomo, che adesso è stato trasportato nel carcere di Regina Coeli, quando è stato portato nell’ufficio di fotosegnalamento ha dato in escandescenza e ha danneggiato alcuni macchinari d’ufficio.

Il piccolo che aveva con sé, invece, è stato già preso in carico dai servizi sociali e sarà affidato a una casa famiglia, nell’attesa di capire se è stato sottratto ai genitori. Sono già in corso, infatti, denunce riguardanti bimbi scomparsi, anche fra gli stessi rom della Capitale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’orso M49 evade di nuovo: Papillon ha divelto la rete di ferro del suo recinto in Trentino. Costa: “Non venga rinchiuso, deve vivere”

next
Articolo Successivo

Mafia, 24 arresti in provincia di Siracusa: prestavano soldi con tassi del 240% e gestivano la piazza di spaccio tra incendi e intimidazioni

next