Un mandato d’arresto europeo con l’accusa del reato di associazione di tipo mafioso finalizzata al traffico di stupefacenti e la “fama” di essere l’uomo del narcotraffico della mafia in Germania. È tornato oggi in Italia Giuseppe Emilio Bevilacqua, scortato dal servizio per la cooperazione internazionale di polizia (Scip) della direzione centrale della polizia criminale, e atterrando a Fiumicino. L’uomo è diretto in carcere per ordine del Tribunale di Caltanissetta. A condurre all’arresto di Bevilacqua le indagini dei Ros dei carabinieri nell’ambito dell’operazione “Ultra” avviata nel luglio dello scorso anno. Indagini che hanno portato all’arresto anche di 46 persone ed hanno permesso di ricostruire gli assetti dell’organizzazione criminale legata a Cosa Nostra e, in particolare, della famiglia mafiosa siciliana di Barrafranca in provincia di Enna, e della quale Bevilacqua rappresentava “un collante operativo per gli interessi della famiglia mafiosa”. Bevilacqua è stato rintracciato e arrestato a Wolfsburg, nella notte tra il 30 giugno e l’1 luglio scorso, contemporaneamente agli arresti compiuti in Italia con un blitz, coordinato da Europol e che lo Scip ha supportato in ogni sua fase.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Messina Denaro, chiesto l’ergastolo per le stragi del 1992: “Anche lui tra i mandanti”

next