Avevano allestito una sorta di “bunker” sotterraneo per coltivare marijuana. Per questo padre e figlio, Salvatore Recupero, di 62 anni, e Marco, di 33, già noto alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai carabinieri della Stazione di San Martino di Taurianova e di Taurianova, insieme ai colleghi Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia. I due sono accusati di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente e furto aggravato di energia elettrica. A scoprire la coltivazione segreta, i carabinieri durante una perquisizione in casa dei due. Dopo aver trovato varie buste con marijuana già essiccata, due piante di cannabis alte circa 80 cm e vari strumenti di pesatura e preparazione della sostanza, i militari hanno notato una botola che portava in un sotterraneo. Scesi con una improvvisata scala e superata una porta in ferro, hanno trovato una sofisticata piantagione con 49 piante di canapa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Veneto: 43 positivi nel centro migranti della Croce Rossa a Jesolo. In Regione 55 nuovi casi

next
Articolo Successivo

Animalista discute con un uomo in strada a Biella: lui gli tira uno schiaffo e scoppia la rissa – Le immagini

next