La scuola ha bisogno di spazi, è chiaro che se parliamo di un metro di distanziamento abbiamo bisogno di più spazi. Al Miur abbiamo creato un software per dire quanti spazi abbiamo negli istituti. Ora so adesso, classe per classe, quanti metri ho a disposizione”, così venerdì in conferenza stampa Lucia Azzolina, annunciava l’avvio di un nuovo software per calcolare i metri quadrati presenti in ogni istituto, sottolineando che “allo stato attuale”, circa il 15% degli studenti non avrebbe spazio. Un’affermazione che ha subito scatenato gli utenti dei social network. “E le planimetrie?”, si chiedono in molti, sottolineando che “esistevano già in Mesopotamia”. “Un software in grado di calcolare l’area di un rettangolo, MITICO”, scrive invece qualcun altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, oltre 85mila cattedre vacanti per il prossimo anno: sono 20mila in più rispetto al 2019-20. Cisl: ‘Anni di mancate stabilizzazioni’

next
Articolo Successivo

Rientro a scuola, ho il vago sospetto che ci abbiano detto di arrangiarci

next